Clear

10°C

Vibo Valentia

Clear

  • Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2017, 22:31:17.

scuola lavoro

di GIUSEPPE MAZZA *

Quanto avevamo paventato in fase di concertazione al tavolo tecnico istituito presso l’amministrazione provinciale,  si è avverato: la falcidia dei posti di lavoro è diventata una realtà bruciante, nella sola microscopica provincia di Vibo Valentia si perdono due autonomie e quindi due posti di dirigente scolastico e due di direttore servizi generali e amministrativi.

Questi i dati rilevati alla luce della delibera del piano di dimensionamento licenziato dall’amministrazione provinciale con delibera del 30.12.2016.

Eppure bastava, così come aveva più volte sostenuto l’Anp, fare dei piccoli aggiustamenti per tutelare la qualità e funzionalità della scuola.

Non solo non avremmo perso due posti dirigente scolastico e di direttore dei servizi generali e amministrativi , ma addirittura li avremmo aumentati di una unità, restituendo l’autonomia a Briatico e lasciando in pace la già autonoma Cessaniti!

Nella piena convinzione che per dare vita ad una “scuola di qualità” non si deve guardare a “pennacchi e campanili”, ma occorre fare l’interesse generale, l’Anp aveva proposto tra i criteri da tenere a base del dimensionamento fra l’altro: il rispetto della territorialità; la salvaguardia dei posti di lavoro per il ds e il dsga, perché il posto di lavoro è sacro per tutti; l’equiparazione delle scuole per numero di alunni. Niente mega scuole ingestibili e che ripristinano differenze, anche sostanziali, di carichi di lavoro e di remunerazione fra dirigenti scolastici il cui ruolo per legge è unico.

Niente di tutto questo, l’amministrazione ha imposto il suo piano mandando alle ortiche quanto emerso dalle riunioni. Mi domando se ne valeva la pena  invitare i sindacati per poi farsene beffa e imporre il piano preordinato!? Forse cercavano connivenza e il nostro sostegno per scaricarci addosso tutte le incongruenze che il piano contiene.

* ex dirigente scolastico e già presidente provinciale Associazione nazionale presidi