Sunny

27°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 53%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

questura vibo

E' stata tratta in arresto e sottoposta, su disposizione del sostituto procuratore Benedetta Callea, agli arresti domiciliari in attesa dell'udienza di convalida, Elena Mirabello, 55 anni, la donna che ha accoltellato il compagno nella casa sita in via Fortunato. La stessa in passato era stata moglie di Giovanni Lo Piccolo, ucciso nel 2010 dall'allora convivente Anita Jarzebowska, perchè stanca dei continui sprusi a cui l'uomo la costringeva, tra cui diversi episisodi di induzione alla prostituzione e la coabitazione forzata con la stessa Mirabello e due bambini.  

Ieri sera intorno alle 19, dopo la segnalazione al 113, la 55enne è stata trovata in stato confusionale e con gli abiti sporchi di sangue dagli uomini della Squadra volante, ai quali pare abbia subito raccontato di aver ferito il convivente con un coltello da cucina a seguito di una lite.

L'uomo, un rumeno di 43 anni, uscito di casa e soccorso dal personale della Scuola allievi Agenti di Vibo Valentia ai quali aveva chiesto aiuto, attualmente si trova ancora ricoverato nell'ospedale Jazzolino, dove nella stessa serata di ieri è stato sottoposto d’urgenza a un delicato intervento chirurgico a causa di una profonda  ferita da arma da taglio al torace che, a parere dei sanitari, avrebbe potuto causarne la morte se non fosse stato sottoposto a cure tempestivamente.

La donna, invece, condotta negli uffici della Questura, avrebbe spiegato di aver provato a difendersi dopo un litigio, culminato, appunto, con un colpo sferrato all'altezza del fianco sinistro del compagno con un coltello da cucina.  

La polizia, nel corso del sopralluogo eseguito all’interno dell’appartamento teatro dell’evento, oltre a numerose tracce di sangue, ha in effetti rinvenuto il coltello da cucina seghettato a punta con lama di 12 cm, poi sequestrato in quanto ritenuto essere l’arma del delitto.