Sunny

14°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 44%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

Ambulanza

Un altro episodio inquietante si aggiunge alla già immane tragedia di Mileto. Nel primo pomeriggio di oggi, infatti, i carabinieri si sono recati in una località della frazione San Giovanni, pare località Fego, dopo avere seguito una pista: voci che parlavano di un insano proposito, da parte del fratello del 16enne presunto omicida del suo coetaneo.

In detta località di San Giovanni si è infatti recata un’ambulanza chiamata dai carabinieri per soccorrere un giovane di 22 anni, Gianluca Pititto, che si sarebbe causato alcune ferite cadendo da una scarpata, da dove è stato appunto recuperato. Ferite ad un dito causate dalla caduta, medicate dai sanitari del 118 che avrebbero invitato il giovane ad approfondire accertamenti medici all’ospedale, ricevendo però un rifiuto. Pititto avrebbe riferito di essere caduto accidentalmente.

In questo momento si trova in caserma dove sta raccontando la sua versione al personale dell’Arma che si era portato sulle sue tracce.

L’intera vicenda, comunque, presenta ancora alcuni coni d’ombra. Gli investigatori dell’Arma, nel ricostruirla, stanno continuando ad indagare per stabilire con esattezza dove si è consumato l’omicidio del ragazzo di 16 anni, Francesco Prestia Lamberti, perché col passare delle ore si starebbe facendo concreta l’ipotesi di un luogo differente da quello dove è stato rinvenuto il corpo. I militari, a tal proposito, avrebbero effettuato alcune ricerche, anche dei bossoli, in una piazza di Mileto, in località Naccari, dove pare che proprio la sera dell’omicidio alcune persone abbiano udito dei colpi di pistola. Le indagini proseguono a ritmo serrato.