Sunny

34°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 26%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

grasso giorgio arresto bossetti

Giorgio Grasso, a sinistra, il giorno dell'arresto di Massimo Bossetti (foto corriere.it)

Dopo un anno e mezzo di lavoro alla Questura di Vibo Valentia, Tito Cicero (in basso) lascia la guida della Squadra mobile. Da mercoledì, infatti, al suo posto arriverà Giorgio Grasso, 33 anni, proveniente da analogo incarico alla Questura di Bergamo.

Grasso, che a Bergamo ci era arrivato nel 2012 dopo la laurea in Giurisprudenza e il concorso in Polizia con master in Scienze della sicurezza, ricoprendo incarichi alla guida delle Volanti e della Digos prima che della Mobile, ha condotto importanti indagini in tema di criminalità comune, dalle rapine agli scontri tra ultras, in particolare quelli del 2013 tra atalantini e juventini con una sessantina di Daspo, fino all’inchiesta, sempre sul tifo organizzato, che ha portato a 18 arresti.

cicero titoMa l’indagine più importante, esplosa a livello mediatico su scala nazionale, è quella che il suo ufficio, così come quello dei carabinieri, ha condotto sulla scomparsa e il ritrovamento del corpo di Yara Gambirasio, fino all’arresto del presunto assassino Massimo Bossetti.

Da Bergamo a Vibo Valentia la differenza è lampante: dalla criminalità comune alla criminalità organizzata. A Vibo Grasso dovrà combattere la ‘ndrangheta, non solo questa ma soprattutto questa.

A Vibo, da ottobre 2015, Tito Cicero, che andrà alla Questura di Catania, ha avuto a che fare con diverse rapine, alcune risolte nel giro di poco tempo; con violente risse che hanno portato all’arresto di diverse persone, in particolare giovani come nel caso dell’episodio di Vibo Marina; con i suoi uomini ha avviato indagini anche nell’ambito della faida delle Preserre, che si era riacutizzata lo scorso anno. Importanti anche le attività di contrasto alle estorsioni, con tre arresti; o quelle in casi di presunta malasanità, o ancora il contrasto al traffico di droga e l’operazione, scattata sulla scorta di un’indagine per omicidio, che ha portato a sgominare un giro di prostituzione minorile in cui ci è finito anche un parroco.