Mostly Cloudy

20°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 67%

  • Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2017, 17:36:48.

dusty

Dopo due mesi effettivi e abbondanti di lavoro, per la Dusty è il momento di tracciare un primo bilancio delle attività poste in essere nel campo della raccolta rifiuti a Vibo Valentia. L’azienda, tramite una nota stampa, mette a fuoco i primi risultati conseguiti e gli obiettivi futuri,

Innanzitutto l’azienda evidenzia che «nel mese di gennaio, data in cui Dusty ha iniziato il servizio di igiene urbana, il territorio di Vibo Valentia versava in una situazione drammatica e la raccolta differenziata era stata completamente abbandonata». Dunque si è partiti da una opera di «sensibilizzazione e educazione», ma anche dalle bonifiche del territorio che hanno richiesto un mese abbondante».

L’obiettivo primario di Dusty è quello di raggiungere il 20% di raccolta differenziata «entro il 19 maggio 2017». Intanto ecco quali sono le attività già espletate al 31 marzo: «Censimento attività commerciali; ritiro elenco utenze domestiche; emissione ordini di tutti i materiali necessari all’avvio del servizio; apertura (dal 20 marzo), presso il mercato coperto, di un punto incontro per i cittadini; avvio delle attività di raccolta differenziata presso le grandi utenze (Istituto Penitenziario, Scuola di Polizia, Ospedale, ecc.); presentazione cartellonistica stradale e mobile; presentazione del calendario di raccolta per approvazione; programmazione incontri con dirigenti scolastici per presentazione attività; presentazione e pubblicazione della pagina web dedicata; calendarizzazione conferenza stampa per presentazione nuova gestione dei servizi; calendarizzazione incontri pubblici con parrocchie, associazioni, gruppi scout, centri anziani, per la presentazione del nuovo calendario dei servizi».

Altre attività sono quelle in programma, da espletare entro il 18 aprile: «Elaborazione e stampa materiale informativo per la campagna di informazione; avvio della campagna di sensibilizzazione per le utenze domestiche e commerciali; avvio della consegna e posizionamento di tutti i contenitori (mastelli, bio pattumiere, contenitori stradali) necessari all’avvio della raccolta differenziata “porta a porta” spinto e di prossimità; consegna eco-calendario a tutti gli utenti per i giorni di conferimento dei rifiuti».

Dal 19 aprile in poi si parte con la prima fase di «rimozione parziale contenitori stradali; avvio servizio di raccolta differenziata “porta a porta” in fase sperimentale con servizio binario». Mentre la seconda fase prevede «rimozione totale contenitori stradali; avvio servizio di raccolta differenziata “porta a porta” a regime». L’azienda evidenzia poi che «nel mese di gennaio la percentuale di raccolta differenziata si aggirava intorno al 4%, mentre nel mese di marzo, dopo appena due mesi di gestione da parte di Dusty, si attesta intorno al 15%. Nel mese di marzo sono stati infatti raccolti 204.706 kg di rifiuti differenziati, contro i 196.440 raccolti nel mese di febbraio».

«Circostanza spiacevole, già segnalata all’amministrazione comunale, è la presenza di rifiuti indifferenziati provenienti da Comuni limitrofi nei quali di recente è stato avviato il servizio di raccolta porta a porta». Alcune difficoltà sono state riscontrate nel conferimento in discarica. «L’impianto “Daneco” è in continua manutenzione e per ragioni non sempre note i nostri automezzi, giornalmente, devono attendere ben 8/10 ore prima di poter conferire i rifiuti. Molto spesso l’attesa si rivela vana e gli automezzi sono costretti a rientrare in autoparco carichi di rifiuti oppure vengono dirottati su altri impianti più distanti. Tale contingenza, più volte segnalata all’amministrazione comunale, non ci consente di organizzare e gestire al meglio le risorse di automezzi e personale e ci costringe a sostenere oneri aggiuntivi dovuti alle maggiori percorrenze chilometriche ed alle soste tecniche. Vorremmo infine far presente che Dusty si sta impegnando, nella massima trasparenza, per migliorare la qualità del territorio di Vibo Valentia, ma è solo attraverso una collaborazione sinergica tra azienda, amministrazione comunale, cittadini e mass media che si possono raggiungere i migliori risultati nell’interesse della collettività».