Mostly Cloudy

20°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 67%

  • Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2017, 17:36:48.

russo emiliano foto ok

Due figlie, piccole, che non vede più da tre anni. «Rapite dalla madre e portate in Slovacchia». Troppo distanti, lontane. Ancora più difficili da incontrare dopo che lo Stato slovacco gli ha imposto di poter stare con loro solo 60 ore in totale in un anno: una volta ogni tre mesi, o per 5 giorni. Questa è la storia che Emiliano Russo, musicista di Limbadi, questa mattina ha voluto rendere pubblica con una azione un pò eclatante. Si è incatenato, infatti, di fronte al Tribunale di Vibo Valentia. Esasperato.

«Quello che chiedo - ha affermato l’uomo - è che mi sia acconsentito di fare il padre, come tutti, e di poter vivere ed educare le mie figlie secondo le leggi italiane. E che la madre venga giudicata per il reato commesso. Ringrazio la Procura di Vibo per l’operato e l’impegno che sta profondendo nella mia vicenda, ma mi auguro che la sua azione possa essere più incisiva e faccia accelerare l’iter per far rimpatriare le mie figlie, che sono orfane di un padre vivo». Avvolto nella bandiera italiana, occhi lucidi, il musicista ha giurato di essere pronto a tutto pur di portare avanti la sua protesta sin quando non otterrà risposte certe. Anche ad iniziare lo sciopero della fame.