Partly Cloudy

27°C

Vibo Valentia

Partly Cloudy

Humidity: 57%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

aggressione generica

Un’azione violenta che era stata ripresa dalle telecamere quella che lunedì ha coinvolto il dirigente medico del Dipartimento di prevenzione dell’Asp, Fortunato Carnovale, aggredito mentre effettuava un controllo in una panetteria del centro a Vibo, e che ancora si trova ricoverato in ospedale. A distanza di neanche 24 ore dall’aggressione, comunque, a bussare alle porte della Procura della Repubblica sono stati i due panettieri (Angelo D’Andrea di 61 anni ed il figlio Pasquale Antonio di 35 anni) che, come riportato sull’edizione di oggi della Gazzetta del Sud, ieri pomeriggio si sono presentati per rendere dichiarazioni spontanee e confessare quanto accaduto.  

Gli stessi avrebbero, quindi, giustificato l'azione violenta come la reazione alle pressioni subite, spiegando – come si legge sul quotidiano messinese – che quattro mesi fa il dirigente Asp durante un controllo nell’indicare i lavori di messa a norma, avrebbe anche suggerito al titolare l’architetto a cui affidarsi. Quindi, al nuovo controllo di lunedì, i due uomini - che lavorano nella panetteria - davanti ai nuovi rilievi del dott. Carnovale, avrebbero reagito con violenza per l’esasperazione.

Vicenda sulla quale, comunque, proseguono le indagini avviate dalla Guardia di finanza e sulla quale già sia il management dell'Asp che lo stesso direttore del Dipartimento, hanno espresso una forte condanna, manifestando la vicinanza al medico per la brutale aggressione.