Showers

3°C

Vibo Valentia

Showers

Humidity: 100%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

giustizia bilancia

di GIUSEPPE MAZZEO

Il Tribunale di Vibo Valentia ha scritto l’ultimo capitolo del “Romanzo criminale”. Ed ha deciso che i Patania di Stefanaconi sono un clan di ‘ndrangheta. Il collegio presieduto dal giudice Lucia Monaco (a latere Giovanna Taricco e Pia Sordetti) ha emesso il verdetto di colpevolezza per 9 dei 14 imputati accusati di associazione mafiosa. Alcuni di loro dovevano anche rispondere di reati in materia di armi, usura, estorsione, danneggiamento.

La sentenza è giunta nel tardo pomeriggio di oggi. Alla sbarra c’erano 14 imputati, i cui ruoli erano stati tratteggiati dalla Dda di Catanzaro nel corso della requisitoria del pm Andrea Mancuso, che al termine della stessa, durata due giorni, aveva chiesto pene per complessivi 192 anni di carcere, inquadrando in Giuseppina Iacopetta, vedova di Fortunato Patania, e nei figli Salvatore, Giuseppe e Saverio, i vertici del sodalizio. Gli altri, invece, col ruolo di partecipi, più o meno attivi o rilevanti nel complesso dell’impalcatura accusatoria.

Ecco nel dettaglio la sentenza:

Iacopetta Giuseppina 14 anni (chiesti 14 anni)

Patania Nazzareno 12 anni (chiesti 15 anni)

Patania Saverio 15 anni (chiesti 15 anni)

Patania Salvatore 15 anni (chiesti 18 anni)

Patania Giuseppe 16 anni (chiesti 19 anni)

Patania Bruno assolto (chiesti 15 anni)

Patania Andrea Nicola 9 anni (chiesti 12 anni)

Caglioti Cosimo Francesco 13 anni (chiesti 16 anni)

Caglioti Caterina 12 anni (chiesti 12 anni)

Lopreiato Francesco assolto (chiesti 16 anni)

Bartalotta Alessandro 10 anni (chiesti 14 anni)

Figliuzzi Nicola assolto (chiesti 12 anni)

Loielo Cristian assolto (chiesti 12 anni)

Krastl Iliya assolto (chiesti 2 anni)

Le posizioni di due imputati fino a poco tempo fa presenti nel medesimo processo, il luogotenente Sebastiano Cannizzaro ed il parroco Salvatore Santaguida, sono state stralciate ed il loro iter seguirà un percorso autonomo nelle prossime settimane.

Parti civili nel processo: la Provincia di Vibo, il Comune di Stefanaconi, la Regione Calabria, Sos Impresa, Gerardo Caparrotta, rappresentati dagli avvocati Daniela Fuscà e Rino Rocchetto.

Nel collegio di difesa figurano gli avvocati: Costantino Casuscelli, Sergio Rotundo, Enzo Galeota, Francesco Capria, Antonio Barilaro, Tiziana Barillaro, Salvatore Staiano, Gregorio Viscomi.