Heavy Rain

6°C

Vibo Valentia

Heavy Rain

  • Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2017, 22:38:05.

forni marcello 2 

Sospensione per Marcello Forni, ex centrale della Tonno Callipo per quattro stagioni (dalla stagione 2012-2013 alla 2015-2016). Questo quanto deciso dalla Prima Sezione del Tribunale nazionale antidoping «che ha provveduto ad accogliere – hanno reso noto dalla Nado Italia - un’istanza di sospensione cautelare proposta dall’ufficio procura antidoping, in relazione all’atleta Marcello Forni tesserato Fipav e in forza alla Gi Group Monza, trovato positivo a seguito di un controllo effettuato da Nado – Italia il 4 dicembre 2016 a Monza, al termine della gara di pallavolo di Serie A "GI Group Monza-Pacenza", in cui sono state riscontrate le sostanze: Benzoilecgonina (Metabolita della Cocaina), Ecgonina Metilestere (Metabolita della Cocaina)».

Una notizia che non lascia indifferenti, sia per l’affetto che Vibo ha sempre avuto nei confronti dell’atleta che per il rispetto per una carriera iniziata negli anni ’80 e sempre in salita.

Forni che ha giocato per 4 stagioni nella Tonno Callipo – ingaggiato nel 2012-13 era rimasto a Vibo anche quando la squadre ha deciso, nella stagione 2014-15, di non disputare più la Serie A1 ma quella cadetta. Con la maglia giallorossa ha vinto la Coppa Italia di Serie A2 2014-15, successo bissato anche nell’edizione successiva – ed era passato quest’anno alla Gi Group Monza che, dal canto suo, ha fatto sapere di aver deciso «di rescindere con effetto immediato il proprio contratto con l’atleta Marcello Forni, tesserato per la società, per avere tenuto dei comportamenti personali – al di fuori dell’ambito sportivo – non consoni e in linea con i forti principi e valori che contraddistinguono il Consorzio Vero Volley e tutta la sua struttura. L’atleta ha agito contravvenendo in maniera esplicita alle chiare indicazioni della società e agli stessi accordi sottoscritti. La società si riserva di valutare, nelle sedi opportune, la possibilità di costituirsi parte lesa e di rivalersi sull’atleta per i danni arrecati».