Mostly Cloudy

19°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 71%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

vibonese catanzaro curva

Domenica al Luigi Razza si è vissuta una delle pagine più intense ed emozionanti della storia sportiva di questa città. No, non siamo dei pazzi se sosteniamo che, aldilà dell’epilogo drammatico della retrocessione, si è trattato di una giornata che difficilmente verrà cancellata dal ricordo dei tanti che hanno avuto la fortuna di parteciparvi direttamente.

Non sappiamo precisamente come spiegarlo e da dove iniziare ma sappiamo cosa vogliamo dire e come vogliamo dirlo: grazie. Semplicemente grazie alla società che con il suo impegno e le sue qualità umane è riuscita a far sì che si potesse finalmente parlare, anche in ambito calcistico nazionale in termini assolutamente positivi di questa città. Nella penuria di risorse umane, economiche e strutturali in cui si trova ancora ad operare, non solo non era facile ma non era assolutamente scontato.

Grazie a tutti coloro che richiamati da una sorta di “urlo del cuore” hanno fatto centinaia, alcuni migliaia, di chilometri per garantire la loro presenza e il loro sostegno. Grazie a tutti quei ragazzi che ci hanno fatto emozionare prima durante e dopo la partita, a retrocessione ormai acquisita, continuando a cantare il loro amore per questa squadra, che è il loro amore per questa terra.

Grazie ad un gruppo di calciatori esemplari che ci ha fatto vivere un sogno. Grazie a tutti coloro che decideranno di ripartire, senza indugi e con la stessa vitalità, da domenica 28 maggio, esattamente da dove Ci siamo lasciati.

Grazie infine alle istituzioni locali che, oltre le lettere di commiato, sicuramente avranno compreso il ruolo sociale che una società sportiva come la Vibonese calcio svolge (con il settore giovanile, la scuola calcio, la capacità positiva di veicolare il nome di questa città), in un territorio che certamente non pullula di iniziative di altro carattere e “coglieranno l’attimo” per stringersi attorno ad una base societaria seria ed integerrima, per non disperdere quanto costruito, accrescerne le forze ed assecondarne le esigenze, nel tentativo di riconquistare, nel più breve tempo possibile, il posto che (non abbiamo perduto!) ci è stato sottratto. 

Forza Vibonese!

Un gruppo di tifosi