Mostly Clear

13°C

Vibo Valentia

Mostly Clear

Humidity: 92%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

carnovale miriam ettu camp 2017 1

E’ terminata da pochi giorni a Otocec, in Slovenia, la prima tappa del 2017 dell’Ettu Development Camp under 14: diciotto “campioni in erba”, dal 12 al 19 marzo, si sono messi a disposizione di Jože Urh, coach nazionale e capo allenatore del centro di allenamento sloveno, Vesna Ojsteršek Drnovšek, tecnico nazionale, Mate Lejo, assistente tecnico del centro di allenamento sloveno e Neves Cegnar, dell'Ettu. Tra le undici nazioni rappresentate dagli atleti al Camp c’era anche l’Italia con Miriam Carnovale della Tennistavolo Piscopio, accompagnata dal tecnico federale Domenico Ferrara.

carnovale miriam ettu camp 2017 2Per la giovane atleta questa convocazione è l’ennesimo riconoscimento al lavoro finora svolto: la pongista vibonese, infatti, non conosce soste ed è costantemente presente nei più importanti tornei nazionali e internazionali per misurarsi con diverse realtà e accrescere così il suo bagaglio tecnico. Basti pensare che, dal 5 marzo, è stata impegnata per un settimana nella categoria Hopes dell'Italian Junior & Cadet Open di Lignano Sabbiadoro, rinomato appuntamento internazionale ITTF (lo scorso anno, è stato il terzo evento del circuito mondiale come numero di partecipanti).

E così, appena terminato l’Open, si è trasferita nel camp sloveno. Il programma di lavoro giornaliero dell’Ettu ha previsto alle ore 7,30 footing, dalle 9 alle 12 l'allenamento mattutino, alle 12,30 il pranzo, dalle 16 alle 19 la sessione pomeridiana, alle 19,30 la cena e dalle 20.30 alle 21,30 l'eventuale allenamento serale. Nello stage sono state allenate e analizzate una serie di abilità specifiche - come il posizionamento e gli spostamenti laterali, gli spostamenti antero-posteriori, la presa d'iniziativa e il gioco su iniziativa dell'avversario - in un contesto che ha favorito la condivisione, fra i diversi allenatori, di idee e soluzioni per la crescita dei giovani. Un notevole tour de force, indubbiamente, ma anche la possibilità di poter crescere ulteriormente nel suo, già notevole per l’età, percorso professionale.