Heavy Rain

6°C

Vibo Valentia

Heavy Rain

  • Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio 2017, 22:38:05.

Una raccolta firme per «testimoniare il comportamento sempre onesto e pulito» di un ragazzo, «senza la minima intenzione di interferire con il lavoro della magistratura» verso il quale «c’è il massimo rispetto». È questo lo scopo della raccolta firme che quasi 400 amici di Michele Pietro Russo, 28 anni di Piscopio, stanno portando avanti, come riporta questa mattina la “Gazzetta del Sud”.

russo michele pietroRusso è attualmente indagato per il concorso nell’omicidio di Fortunato Patania, avvenuto il 18 settembre 2011 a Stefanaconi. Quel delitto fu la risposta del clan dei piscopisani ad un altro omicidio, avvenuto due giorni prima, quello dell’agricoltore Michele Mario Fiorillo.

Secondo le indagini condotte dalla Polizia di Vibo e Catanzaro, che il 31 marzo 2015 portarono alla prosecuzione dell’operazione “San Michele” (quando fu arrestato anche Francesco La Bella, ritenuto tra gli esecutori materiali) con cui il 6 marzo precedente era stato arrestato colui che sarebbe diventato poi il primo pentito tra i piscopisani, Raffaele Moscato, Michele Pietro Russo avrebbe recuperato, insieme a Rosario Fiorillo alias “Pulcino”, i killer di Fortunato Patania dai pressi del luogo dell’omicidio fino alla piazza centrale di Piscopio. Fiorillo e Russo, a bordo di due motorini, avrebbero quindi condotto gli esecutori materiali del delitto per condurli al sicuro.