Cloudy

11°C

Vibo Valentia

Cloudy

  • Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2017, 17:39:56.

 loschiavo filippo

«Esprimiamo viva e sincera soddisfazione per la decisione assunta dalla Giunta comunale guidata dal sindaco Elio Costa che con la delibera n. 355 del 28 dicembre appena trascorso ha preso atto della richiesta avanzata da 248 cittadini della frazione Longobardi che altro non chiedevano se non di avere l’opportunità di fruire del sacrosanto diritto ad avere una farmacia nel proprio territorio in modo da garantire a tutti i cittadini, compresi quelli con difficoltà a spostarsi, l’accesso ai farmaci e, quindi, alla tutela di base della salute. A nome dei cittadini che hanno sottoscritto la petizione, quindi, esprimo la più sincera gratitudine all’Amministrazione comunale e al sindaco Elio Costa che ha in modo tempestivo riconosciuto la valenza della nostra richiesta». È con queste parole che il consigliere comunale di Forza Italia, Filippo Lo Schiavo, rivolge il proprio ringraziamento e quello della comunità di Longobardi all’Amministrazione comunale che ha accolto la richiesta avanzata tramite una petizione di cittadini e che la Giunta ha recepito modificando “l’ubicazione della decima sede farmaceutica che viene destinata istituzionalmente a servire la popolazione della frazione Longobardi”. La decisione, assunta all’unanimità dalla Giunta, è già stata trasmessa all’ordine dei Farmacisti di Vibo Valentia e all’Azienda sanitaria provinciale per i provvedimenti necessari.

Nella delibera assunta dall’esecutivo regionale viene esplicitamente riconosciuto come sia da rilevare «una poco fortunata posizione topografica della frazione Longobardi» che si cumula con la «distanza notevole dalla più vicina farmacia situata a Vibo Marina» senza contare che «i residenti sono prevalentemente persone anziane per le quali, nella situazione attuale, risulta difficile usufruire del servizio farmaceutico». Tutti argomenti evidenziati dalla petizione «a dimostrazione – conclude il consigliere comunale di Forza Italia – della sensibilità dell’esecutivo Costa che ha preso atto di una esigenza fortemente sentita dalla comunità e l’ha soddisfatta con un gesto di grande responsabilità».