Sunny

34°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 26%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

ospedale nuovo slider

«La costruzione del nuovo ospedale di Vibo Valentia ritorna nell’agenda Istituzionale del nostro territorio. A sancirlo, nero su bianco, la convocazione a firma del prefetto Guido Nicolò Longo». È quanto fa sapere il segretario della Cgil Luigi Denardo che, come Cgil, ha deciso di rivolgere i «doverosi ringraziamenti» al capo dell’Ufficio territoriale del Governo «per aver sollecitamente dato seguito alla nostra formale richiesta di incontro con tutti i livelli, tecnici e politici, interessati al procedimento». E proprio mercoledì 17 maggio alle ore 11 sono stati convocati presso la Prefettura per una riunione con all’ordine del giorno “avvio lavori nuovo ospedale” il sindaco di Vibo Valentia Costa, il dg della Regione Calabria Pallaria; il delegato regionale alla sanità Pacenza; il dg dell'Asp di Vibo Caligiuri; l’ad della società concessionaria, Vibo Hospital Service Spa, Olivato.

denardo2«Finalmente – chiosa il segretario della Cgil - finisce il calvario delle sette chiese, dove spesso ci siamo imbattuti, e si farà un chiaro punto sullo stato dell’arte, avendo a definire un preciso crono programma per la realizzazione della fondamentale opera. È necessario – prosegue - porre la parola fine ai continui ritardi e rinvii per l’avvio dei lavori, assumendo, ognuno per le proprie responsabilità, gli impegni necessari per garantire ai cittadini livelli dignitosi di assistenza sanitaria ed ospedaliera». Per Denardo, infatti, «il nuovo ospedale di Vibo Valentia rappresenta un valore aggiunto nella socializzazione degli investimenti, con una considerevole spesa pubblica, a coefficiente multiplo, per la ricaduta economica e sociale sul territorio e per l’efficientamento del servizio sanitario pubblico. Una iniezione di fiducia – conclude - per risalire la difficile condizione che il territorio sta attraversando e per la quale, come Cgil, continueremo ad impegnare i necessari sforzi in una civile battaglia per la contrattazione per lo sviluppo».