Sunny

14°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 83%

  • Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2017, 22:17:20.

comune aula vuota

di GIUSEPPE MAZZEO

C’è aria di rimpasto a Palazzo Luigi Razza. C’è da tempo, e ci sarà ancora per qualche settimana. Si arriverà con ogni probabilità ai primi di maggio per vedere un nuovo assetto nella giunta comunale di Vibo Valentia. Ma difficilmente si andrà oltre. Perché l’esigenza dell’amministrazione, dai referenti dei gruppi/partiti allo stesso sindaco, è di rilanciare un’azione che risulta ancora troppo carente sotto diversi profili.

Dopo gli ultimi avvicendamenti di inizio anno, con l’ingresso nell’esecutivo di Raffaele Manduca e Silvia Riga al posto di Loredana De Marco e Bruno Cutrì, all’orizzonte se intravedono altri tre cambi. In bilico, infatti, ci sono le posizioni degli assessori Raffaela Imeneo (Bilancio), Antonio Scuticchio (Ambiente) e Nico Console (Attività produttive). È anche molto probabile che, al di là delle specifiche “poltrone”, Elio Costa decida di mettere mano pure alle deleghe, redistribuendole sia in base al profilo dei nuovi ingressi e sia in base all’attitudine dei componenti già presenti.

Un nome che circola con insistenza da tempo è quello di Giuseppe Policaro, della lista “La città che vorrei”, che potrebbe ricoprire la carica di assessore al Bilancio. Policaro, attuale capogruppo della lista del sindaco e autore della (poi rinnegata dal primo cittadino) confederazione col gruppo ispirato da Vincenzo Pasqua “Territori e libertà”, era in orbita giunta già dall’insediamento. Per lui si parlava all’epoca - giugno 2015 - di una delega all’Urbanistica, che poi sfumò anche per il diniego del diretto interessato che ambiva di più alla postazione di presidente del consiglio (poi andata a Stefano Luciano).

La delega all’Ambiente, forse la più “scottante” in questo periodo, dovrebbe finire in quota Luciano. Dal suo gruppo uscirà il nome del nuovo assessore. E nelle ultime ore si fanno insistenti le voci sulla possibile nomina di Giuseppe Russo, al momento primo dei non eletti di “Vibo Unica”. Russo, ingegnere, è una delle figure cardine assunte dalla Dusty, la ditta che gestisce la raccolta rifiuti in città. Ovviamente, in caso di nomina in giunta, Russo dovrebbe sospendere il suo incarico lavorativo. Ma “Vibo Unica” ha anche un’altra opzione. Che è quella di una “promozione” del capogruppo Claudia Gioia. In tal caso Russo entrerebbe in consiglio proprio al posto di quest’ultima.

L’ultima casella da riempire è quella del sostituto di Console. Postazione che tocca ai “Liberali per Vibo”, alias Forza Italia. In questo caso nel gruppo di Giuseppe Mangialavori i giochi sono ancora da fare. Non è escluso che si “peschi” all’esterno, anche se c’è da registrare la disponibilità (o il desiderio) del consigliere Franco Tedesco a ricoprire il ruolo di assessore. In ogni caso sarebbe ancora da vagliare la delega. Ed è probabile che ai Liberali vada a finire quella dell’Urbanistica, con Laura Pugliese (attuale titolare di questa delega) che si occuperebbe di deleghe differenti, minori.