Cloudy

21°C

Vibo Valentia

Cloudy

  • Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2017, 10:27:38.

Un programma natalizio che volge al termine per «riscoprire il senso di comunità». Ed alcune attività portate avanti per superare problemi vecchi e nuovi con le solite difficoltà di carattere finanziario sempre sulle spalle.

L’amministrazione comunale di Spilinga, guidata dal sindaco Armando Fiamingo, in una corposa lettera ai cittadini rivendica il lavoro svolto e replica alle accuse dell’opposizione che, negli ultimi mesi, ha attaccato duramente l’esecutivo su alcune questioni, come il caso della mensa scolastica.

spilinga comune nuovaE così, nel ricordare il pensiero per i più piccoli delle scuole con l’arrivo di Babbo Natale con doni e zucchero filato, ed ancora il concerto in chiesa col chitarrista Diego Cambareri ed altre iniziative, l’amministrazione si concentra sulle difficoltà incontrate: «In soli sei mesi di mandato quest’amministrazione ha dovuto fronteggiare importanti contingenze  e prendere decisioni fondamentali. Tutto ciò mantenendo il livello dei servizi offerti alla comunità pressoché invariato nonostante una stringente e pessima condizione economico-finanziaria provinciale, regionale e nazionale».

Tra le cose fatte vengono enumerate la pulizia straordinaria delle zone rurali nel periodo estivo, al pari della «gestione in tempi minimi di eventi come la sagra della ‘nduja», e ancora il ripristino di alcune strade dissestate dalle burrasche di settembre». Una menzione a parte, nelle intenzioni dell’amministrazione, la merita «la scelta tanto delicata quanto sofferta di aderire al nuovo partenariato Gal Terre vibonesi, dopo aver affrontato fino all’esasperazione il tema in gioco con ciascuna delle parti interessate (produttori della ‘nduja in primis, nonostante le fuorvianti dichiarazioni sollevate dall’opposizione), scelta rivelatasi poi “fortunata” con buona pace dei detrattori. Tutto questo lavorando alacremente e con zero fondi a disposizione delle casse comunali».

«Abbiamo subìto, senza mai replicare per senso di responsabilità, gli affondi di chi approfittando di cavilli normativi e della buonafede di qualcuno tra gli addetti ai lavori - attacca Fiamingo, con chiaro riferimento alla vicenda della mensa scolastica - per meri interessi personali o semplice strumentalizzazione politica ha preferito improvvisarsi giornalista nonostante fosse pienamente a conoscenza dell’affabilità e dell’apertura totale di questa squadra verso la risoluzione dei problemi comuni senza discriminazione alcuna per il colore della casacca politica. Probabilmente, invece, proprio questo fino ad oggi abbiamo pagato, peccando di inesperienza e buonafede.

Siamo ben coscienti che tanto c’è da fare, coscienti delle innumerevoli difficoltà a cui i nostri concittadini devono quotidianamente fare fronte: ripristino delle zone rurali, assenza di servizi essenziali primari, difficoltà economiche oppressive. Nonostante tutto ciò abbiamo comunque iniziato a programmare il futuro lavorando costantemente per il presente nell’instancabile tentativo di risollevare le sorti di questo nostro Comune, parte, purtroppo, dell’ultima provincia d’Italia.

Siamo convinti che un futuro migliore debba ripartire da qui, dall’impegno costante. Debba necessariamente ripartire dall’unità della propria comunità e siamo felici di constatare il fiorire di nuove e varie associazioni pronte a spendersi per la collettività. A loro, giovani e meno giovani sono rivolti i nostri migliori auspici, all’insegna di una ritrovata aggregazione sociale, priorità tra le nostre promesse. Ad maiora».