Partly Cloudy

15°C

Vibo Valentia

Partly Cloudy

Humidity: 64%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

gerocarne fornaci

Custodite come preziosi gioielli, le antiche fornaci settecentesche di Gerocarne suscitano la curiosità e l’ammirazione di quanti visitano il caratteristico borgo dei vasai, ammirando i maestri artigiani all’opera. Così anche stamattina, quando ad essere incuriosita ed attratta dalle tipiche tradizioni artigiane di Gerocarne è stata un’ospite d’eccezione: la dottoressa Patrizia Nardi, focal point della “Rete delle grandi Macchine a spalla italiane Patrimonio dell’Unesco”.

«La Nardi - fa sapere il sindaco Vitaliano Papillo - accompagnata da Maurizio Lo Vecchio, esperto in euro progettazione, ha visitato il borgo dei vasai, dove ha potuto ammirare gli artigiani al tornio, rimanendone incantata e, contestualmente, le secolari fornaci, per valutare la sussistenza delle condizioni per l’avvio di un progetto in salvaguardia della millenaria arte della lavorazione dell’argilla, fulgido esempio di archeologia industriale ancora perfettamente in funzione, tal qual era nel ‘700, ed ancora fonte di economia per diverse famiglie, che si tramandano questa eredità immateriale da generazione in generazione». Un’azione di difesa e valorizzazione, dunque, da veicolare attraverso l’istituto unescano della salvaguardia urgente, che ha lo scopo di recuperare e far rivivere elementi del patrimonio culturale immateriale a rischio di estinzione.

«In tal caso un patrimonio unico - continua il primo cittadino di Gerocarne - che oggi sopravvive solo a Gerocarne, dove fa respirare un’atmosfera d’altri tempi. Già solo per tale motivo questo pregiato saper fare artigiano dovrebbe essere oggetto di tutela e conservazione. L’interessamento della dottoressa Nardi, e, con essa, quello di Maurizio Lo Vecchio, è un buon segnale in questa direzione. Anche perché si ha l’idea di un progetto pilota che potrebbe coinvolgere i centri dell’intero comprensorio (per essere successivamente applicato ad altre realtà comprensoriali), ognuno dei quali custodisce un patrimonio storico, culturale, artistico ed ambientale da meglio valorizzare mettendoli in rete. Insomma, la mattinata, momento di incontro e confronto per idee e progetti di sviluppo e preservazione per il futuro, è stata interessante e proficua. Per questo sono convinto che avrà i suoi risultati. Per le fornaci, i nostri vasai, l’antico borgo che ancora li accoglie e la Calabria tutta».