Mostly Cloudy

20°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 72%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

cgil bandiere

«Una presa di posizione netta contro ogni forma di criminalità»: è questo ciò che sta alla base della scelta decisa dalla Cgil di Vibo Valentia di spostare la riunione del Direttivo Confederale, previsto per venerdì 12 maggio, dalle ore 10 alle 13, dalla loro abituale sede alla sala del Consiglio Comunale di Rombiolo, alla presenza anche del segretario regionale della Cgil Calabria Angelo Sposato.

Una chiaro posizionamento, dunque, che la dirigenza sindacale intende rivendicare veicolando un messaggio ben preciso. «La scelta di questa particolare sede per svolgere la massima assise della Cgil di Vibo Valentia non è un fatto casuale - spiegano da Viale Affaccio -: Rombiolo è un luogo simbolico di una realtà tra le più colpite dalla crisi occupazionale, dove si sono persi centinaia di posti di lavoro, ma anche teatro, in particolare negli ultimi tempi, di episodi pervasivi di criminalità nei confronti di aziende e di lavoratori del posto. Cosa, questa, che rischia di mettere ancora più in ginocchio un già fortemente provato tessuto produttivo ed economico del luogo e di tutto il territorio vibonese. Ne sono ancora struggenti le storie, come quella della Gam & Oil o la Restuccia Costruzioni, che per diverse ragioni sono state abbandonate al loro infausto destino, annientando uno dei più avanzati tessuti industriali e professionali del vibonese nel settore della metalmeccanica e delle grandi costruzioni.  Oggi, però - continuano dalla segreteria del sindacato rosso - siamo anche chiamati ad una più fattiva e fisica dimostrazione della dichiarata lotta ad ogni fenomeno che lede i principi di legalità e democrazia, e che mina fortemente la crescita del lavoro e dello sviluppo più generale. I reiterati atti di intimidazione ai danni della Cooper Poro sono la plastica dimostrazione di quanto rimane difficile e compromesso il generoso sforzo di fare impresa e di accrescere la partecipazione del lavoro. Riunirci a Rombiolo, dunque, crediamo sia un segnale importante e tangibile di solidarietà e vicinanza nei confronti dei lavoratori e della comunità tutta».

Ma ciò non basta da solo. Serve una maggiore sinergia, e soprattutto un’altrettanta netta presa di posizione da parte di istituzioni e politica. «La nostra - concludono dalla Cgil - è una presa di posizione netta contro ogni forma di criminalità, ed insieme la speranza che istituzioni e politica possano essere strumento di prevenzione, prima ancora che repressivo, per ridare a questa realtà e complessivamente a tutto il vibonese, la centralità del valore lavoro e del riscatto di un territorio che ha tutte le potenzialità di rimettersi in corsa con grande dignità».