Showers

3°C

Vibo Valentia

Showers

Humidity: 100%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

 parghelia comune

Era il bilancio all’ordine del giorno del Consiglio di ieri a Parghelia, dove l’Aula ha dato il via libera all’aliquota Imu 2017, alla Tasi 2017 che sono state confermate; all’addizionale comunale Irpef, approvando a seguire il Piano finanziario Tari, l’aggiornamento al Documento unico di Programmazione 2017-2019 e il bilancio di previsione 2017-2019. A fare un punto sulle principali questioni, è stato il sindaco Maria Luisa Brosio che ha precisato come le tariffe non aumenteranno. In particolare, ha spiegato che «l’aliquota ordinaria dell’Imu è pari al 9,8 per mille per gli immobili diversi dall’abitazione principale; la Tasi rimane al 0,8 per mille, così come l’Irpef all’0,80% per cento con fascia di esenzione sino ai 7.500,00 mila euro». Aumento, invece, per la tassa sui rifiuti (Tari) a causa della «bassa percentuale di raccolta differenziata che si attesta intorno al 9 %; e al cospicuo aumento del contributo di conferimento dei rifiuti in discarica». In tal senso, l’amarezza del sindaco che non ha nascosto la delusione «per la bassa percentuale di raccolta differenziata praticata» per cui ha espresso l’auspicio che si aumenti. «Pertanto – ha aggiunto - riprenderemo l’opera di informazione e sensibilizzazione, insistendo sull’importanza e sui benefici di una corretta gestione dei rifiuti a partire dalle case, e continueremo il lavoro di controllo e sanzione».

brosio mariaQuindi, è sul capitolo Dup che si è soffermata, illustrando la composizione della nuova programmazione. In particolare, per quanto attiene alla sezione operativa «contiene – ha fatto sapere la Brosio - la realizzazione di delle seguenti opere pubbliche che sono in corso di realizzazione e non concluse: lavori di urbanizzazione della località “Scalamandrè”; lavori di sistemazione del percorso “Scittareju”; ottimizzazione del depuratore consortile “Le Grazie”; riqualifica della località “La Grazia” – PISL; ristrutturazione del centro diurno per anziani di Fitili; pulizia dei torrenti – APQ; ristrutturazione degli immobili confiscati – CLS» mentre «con gli incassi straordinari si prevede di realizzare interventi di manutenzione, recupero e valorizzazione del territorio». Non molte opere nuove, insomma, come ha spiegato il sindaco che ha analizzato sia i problemi di ordine burocratico che quelli che riguardano la carenza di personale nell’ufficio tecnico.

«Tuttavia – ha proseguito - ci stiamo impegnando, nonostante ci siano anche poche risorse a disposizione, a perseguire le priorità che sono stabilite nel programma elettorale. Siamo fiduciosi nella riuscita dell’intento di portare avanti e concludere con successo il nostro percorso politico – amministrativo». Tante difficoltà, insomma, che ostacolano la programmazione e tra queste quelle relative al bilancio del Comune, «gravato dalla considerevole somma di euro 125.471,29 accantonata a fondo crediti di dubbia esigibilità» anche se «è, tuttavia, un bilancio che mantiene invariato il livello dei servizi rispetto agli anni precedenti ed anzi prosegue nel contenimento delle spese correnti». Le entrate più significative sono quelle che riguardano i trasferimenti dello Stato per 177.759,08 euro; imposta di soggiorno 280.000,00 euro; Tasi per 58.000,00; addizionale Irpef per 76.000,00 euro; e Imu per 383.000,00 euro.

Numeri, dunque, quelli illustrati dal sindaco che è sulle entrate relative al recupero dell’evasione fiscale, per un importo complessivo di 40.000,00 euro, che si è soffermata così come sulle spese, tra le quali figurano, quelle per il personale (465.028,00 euro); mutui (158.548,82 euro); servizio idrico integrato (232.650,00 euro); energia elettrica – pubblica illuminazione (80.000,00 euro) e contenzioso (55.000,00 euro).

«E’ un bilancio – ha aggiunto - che non riporta solo numeri ma anche un preciso indirizzo politico che mira a rendere il paese più vivibile, sostenibile e accogliente. Sono previsti, pertanto, la realizzazione di lavori di manutenzione straordinaria del territorio e del verde, di abbattimento delle barriere architettoniche, nonché interventi di arredo e decoro urbano». Si guarda avanti, quindi, per migliorare la vivibilità e, in tal senso, per «disciplinare la viabilità, garantire un ordinato svolgimento delle manifestazioni e di consentire la chiusura serale al traffico veicolare del corso è contemplata l’assunzione a tempo determinato (luglio/agosto) di n. 4 ausiliari del traffico part-time, ciò nel rispetto del vincolo di contenimento della spesa di personale. Metteremo in campo tutte le iniziative e le attività necessarie per favorire lo sviluppo del turismo, un settore in crescita, ma ancora al di sotto del potenziale del territorio e connotato da alta stagionalità».

L’obiettivo, poi, è quello di «incentivare un’agricoltura ed un comparto agroalimentare di eccellenza attraverso lo strumento finanziario del Psr e proprio a tal uopo abbiamo aderito al partenariato di comuni denominato “l’Altopiano del Poro a portata di…Mare”. La ragione principale è di natura sociale ed economica, ovvero la creazione di nuova occupazione. Il turismo – ha chiosato - va anche integrato con il settore agroalimentare, proponendo per esempio itinerari che si sviluppino dentro le aree interne ed è pure per questo che abbiamo inserito nel Piano strutturale comunale il recupero degli antichi sentieri». Futuro che passa, così anche dagli eventi «che intratterranno e allieteranno grandi e piccini» e tra gli interventi «è contemplato un piccolo ma doveroso contributo di complessive 13.000,00 euro per la Parrocchia, la Proloco,  e altre associazioni riconosciute come segno tangibile di una proficua collaborazione e, soprattutto, come riconoscenza per l’impegno, la dedizione, il tempo e l’energia profusi nello svolgere le attività di utilità sociale e di promozione e di valorizzazione del territorio». Certo, ha spiegato il sindaco, «avremmo voluto fare di più ma ciò che abbiamo fatto è stato dare credibilità ai numeri».

Una sintesi dell’attività, insomma, per fare un bilancio su quanto fatto ma soprattutto protesi verso il futuro di Parghelia. Quindi, infine, un ringraziamento «al dirigente dell’ufficio Finanziario Francesco Crigna per la tenacia, la professionalità nel suo lavoro che va oltre il normale impegno quotidiano. Inoltre, mi corre l’obbligo di ringraziare anche il revisore dei conti Andrea Nicoletti per l’attenzione posta nell’espletamento della sua delicata funzione di controllo, i dirigenti e i funzionari per la collaborazione e l’elaborazione dei dati contabili necessari per la predisposizione del bilancio».