Clear

16°C

Vibo Valentia

Clear

Humidity: 73%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

pNTvn

di GIUSEPPE CURRA' 

Mileto come Hudson, la cittadina normanna uguale al capoluogo della contea americana di Santa Croix, nello Stato americano del Wisconsin. Nasce anche nella sede della più antica diocesi di rito latino del meridione d’Italia “Little free library”, il progetto teso a promuovere la cultura della lettura, la costruzione del senso di comunità e la passione per i libri.

Artefice della bella iniziativa a fini socio-culturali, la Cooperazione Sud per l’Europa, associazione da tempo attiva in Calabria nei campi della formazione lavorativa dei giovani, dell’accoglienza ai migranti e dello sviluppo, in genere, del territorio.

cqFks.jpeg

L’esperienza “Little free library” nasce, appunto, a Hudson nel 2009, su idea di Todd Bol, inizialmente davanti casa e subito dopo lungo una pista ciclabile, tra un caffè e una galleria d’arte. Il successo è immediato, tant’è che nel giro di pochi anni l’iniziativa si propaga, dapprima negli Stati Uniti e poi in tutto il mondo.

Oggi si stima che siano diverse decine di migliaia i “Little free library” che svolgono la loro “mission” nei vari continenti, di cui alcune centinaia in Italia.

Nello specifico, si tratta di casette di legno artigianali che contengono collezioni di libri in continuo cambiamento. I volumi possono essere presi e depositati gratuitamente da chiunque. Il principio cardine è che la comunità coinvolta partecipi in modo attivo, in modo da rendersi essa stessa artefice della messa a disposizione di collezioni librarie sempre rinnovate.

Rd5IL.jpeg

I luoghi in cui solitamente vengono posizionate le casette in legno artigianali sono i parchi, i giardini, i cortili, gli spazi comuni in genere. A Mileto, la “Little free library” è stata installata sulla facciata dell’ottocentesco Palazzo San Giuseppe, tra l’altro sede della stessa CSpE. In pieno centro cittadino, a pochi metri dalla Basilica-Cattedrale e dal Museo statale.

L’iniziativa è stata ben accolta dalla comunità, se è vero che in questi primi giorni le casette sono state più volte svuotate e riempite di libri. La speranza, a questo punto, è che all’insegna del motto “libro che prendi libro che doni” essa duri nel tempo, in modo tale da contribuire a rafforzare il senso di appartenenza e da innescare quell’interessante processo di coesione sociale, da troppi anni assente nella cittadina normanna.        

MILETO LITTLE FREE LIBRARY 1