Partly Cloudy

21°C

Vibo Valentia

Partly Cloudy

Humidity: 88%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

Pizzo enigma photostory

Immagini di un tempo lontano, sospeso tra il passato e la fantasia, la storia e la creatività, senza perdere di vista l’umanità con un finale che l’abbraccia. Immagini di un mistero che prende forma. Piccoli indizi, un racconto che si snoda attraverso fotografie. Si presenta così, anzi la presenta così Pizzo, Henry Sprouse, l’artista napitino che, dopo 10 anni, il suo sogno ha voluto realizzarlo. Un enigma, o meglio “Enigma a Pizzo Calabro” è questo, infatti, il titolo del photo story ideato da Sprouse, pseudonimo dello scrittore Enrico Sanna.

Un giovane artista che con la collaborazione di due fotografi napitini, Andrea Durante e Noemi Tonietti, ha portato in “scena” il mistero. Una «storia inventata», spiega lo stesso Henry Sprouse sulla sua pagina facebook, «qualche anno fa e mai pubblicata». Quindi, passo dopo passo, verso quella che spiega essere la sua passione, «aspiro a diventare regista», e così l’idea del photo story. Una sequenza fotografica - circa 30-35 foto – che fanno rivivere la Pizzo degli anni ’60 attraverso la quale viene “narrata” la storia di un 14enne, Leo che trova una carpetta vicino ad una ruota di una macchina. Parte da qui il racconto per immagini di “Enigma a Pizzo Calabro”: da una carpetta, che contiene dei fogli e ogni foglio ha un disegno. Da lì, l’intrecciarsi della vicenda, perché quel ragazzo curioso cerca di capire a chi appartenga la carpetta e non ci mettono molto a spuntare degli uomini… Insomma, non sono semplici disegni, perché in realtà custodiscono un “segreto”. Un segreto che porta indietro nel tempo e anche fino… alla tomba di Murat. Così, storia, fantasia, ricerca e quel sogno si mescolano e danno vita ad una storia da scoprire. Presto, comunque, ci sarà la presentazione prima della pubblicazione del photo story su canali face book e you tube.

Un lavoro di squadra, comunque, precisa l’artista ed ideatore, che ringrazia i fotografi, ma anche Giuseppe Pascale per il montaggio, Domenico Romeo per i disegni, e gli attori Davide Forte, Rocco Bruni, Giuseppe La Porta, Caterina Napoli, Antonio Brundia e Angelo Galeano.