Mostly Cloudy

19°C

Vibo Valentia

Mostly Cloudy

Humidity: 71%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

defilippis studenti progetto protesi

Hanno regalato un sorriso gli studenti dell’Istituto superiore “De Filippis-Prestia”. Anzi “Un sorriso in più”. Perché dai banchi di scuola ai laboratori, è un percorso di vita quello nel quale sono stati accompagnati i ragazzi, grazie al progetto protesi sociale “Un sorriso in più”, destinata a persone bisognose. Protagoniste sono state le due quarte classi dell’indirizzo Odontotecnico dell’Istituto, diretto da Pietro Gentile, che hanno seguito il progetto - promosso dal professore Salvatore Marturano con la collaborazione del professore Umberto Brosio e della professoressa Maria Teresa Rotiroti, e con la partecipazione del tecnico di laboratorio Francesco Melluso e del segretario Bruno Pezzo - iniziato nel mese di marzo e che, dopo un percorso articolato e formativo, suddiviso in dieci incontri programmati tra lo studio dentistico, il laboratorio odontotecnico e lezioni in aula multimediale, si è concluso con la produzione di un manufatto di qualità.

Un’esperienza professionale e umana, quindi, quella nella quale sono stati coinvolti i ragazzi e, infatti, come hanno spiegato i docenti, il progetto aveva un doppio valore, «realizzare la protesi ma soprattutto dare – hanno sottolineato - una valenza sociale all’attività svolta». I ragazzi, così, «hanno concretamente vissuto un’esperienza reale, dimostrando interesse e collaborazione. Gli interventi frequenti e mirati sulle varie fasi di lavorazione hanno fatto capire agli alunni – hanno aggiunto - l’importanza del progetto, sia per l’approfondimento delle fasi lavorative, sia in merito alle finalità del lavoro eseguito per promuovere lo spirito di solidarietà, sviluppando la consapevolezza che oltre all’aspetto squisitamente didattico, vanno promosse competenze sociali e civiche che fanno di ogni studente un cittadino-lavoratore completo e competente».

E hanno centrato gli obiettivo gli studenti, ai quali è arrivato il ringraziamento di chi ha ricevuto la protesi e non sono mancati neanche quelli del dirigente scolastico Pietro Gentile: «Un progetto che ha consentito – ha spiegato Gentile - di fare acquisire agli studenti quelle competenze di cittadinanza che vengono oggi richieste alla scuola da più parti, oltre che di acquisire capacità operative fondamentali per il loro futuro inserimento nel mondo del lavoro».