Sunny

14°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 44%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

 Antonella Direnzo 1

Ancora successi e riconoscimenti per l’artista vibonese Antonella Di Renzo che, dagli spazi espositivi della “Fiera del Mediterraneo”, con la prima Biennale del Mediterraneo a Palermo, palcoscenico di solenni bellezze architettoniche, ha attraversato il paese per giungere alla “Biennal de arte Barcelona” e nella città catalana è stata premiata nel prestigioso museo Meam, (Museo d’arte moderna) con un’importante targa e definita “Maestro d’arte per il talentuoso impegno stilistico” dal comitato scientifico degli organizzatori e dal pregiatissimo artista e critico d’arte José Van Roy Dalì, erede di Salvador Dalì (tra i presenti, inoltre, il produttore musicale e cinematografico David Guido Petroni che si è complimentato con tutti gli artisti).

In particolare, l’artista vibonese ha partecipato, con tre sue policromie, alla II biennale d’arte del Mediterraneo svoltasi dal 9 al 12 marzo, occasione di condivisione e confronto che ha coinvolto 600 artisti. L’evento, organizzato dal critico e curatore d’arte, giornalista e saggista, Paolo Levi, assieme ai direttori artistici della MeArt, Pietro e Sandro Serradifalco, è stato un “incontro” di emozioni, idee, talento e creatività che, come spiega la stessa artista, «ha saputo inviare un utopico messaggio di speranza, di bellezza di convivenza fra popoli diversi».

Due delle sue opere sono state esposte nei padiglioni della fiera: “Paradisi incantati” e “Tutto è vibrazione…atomi di gioia”. Assaggi di opere uniche e, soprattutto, di una grande espressività e comunicatività e, la recensione all’opera di “Paradisi incantati” dà l’idea, in tal senso, del viaggio espressivo in cui la sua arte riesce a trasportare: «La sua arte, che dal figurativo tende all’astratto, ci racconta una natura incantata, un eden, un angolo di paradiso.Visioni oniriche tendenti al surreale si presentano al fruitore affascinandolo e trasportandolo in una dimensione metaforica che suscita sensazioni appaganti percepite dall’istinto con immediatezza. Le sue opere rivelano una profonda conoscenza della tecnica e un talento prepotente che aiutano l’artista nella sintesi narrativa. Dinamismo e poesia visiva sono ottenuti mediante una tavolozza vivace e sincera, che rivela un’arte formidabile caratterizzata da grande profondità d’animo». “Tutto è vibrazione…atomi di gioia”, invece, è stato esposto nella preziosa sezione “Museo Levi, con  artisti selezionati dal grande Paolo Levi. Questa la recensione dell’opera sull’Expertise, firmato dallo stesso Levi: «Abilità comunicativa che supera i confini visivi e dà vita a creazioni armoniose portatrici di messaggi universali. Un’arte che rivela la creatività dell’artista e le pulsioni intime del suo animo».

Da Palermo, quindi, poi, il nuovo viaggio per la “Biennale de Arte Barcelona”, presso l’ottocentesco palazzo Gomis, sede espositiva del Museo Europeo d’arte Moderna. Un’esperienza unica per Antonella, coinvolgente, significativa, culturalmente formativa, allietata da ospiti prestigiosi: Van Roy Dalì e David Guido Petroni, che le hanno consegnato la targa di “Maestro d’Arte”. Un riconoscimento per cui la Di Renzo, ha inteso condividere le sue opere con la sua Calabria e la sua amata Vibo Valentia, «ricche di  arte e passato, passione e alchimie di profumi e colori». 

Antonella-Direnzo-2
Antonella-Direnzo-3
Antonella-Direnzo-4
Previous Next Play Pause
1 2 3