Partly Cloudy

12°C

Vibo Valentia

Partly Cloudy

Humidity: 99%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

Augurusa silvaggio acliAprirsi ai nuovi mercati, con questo obiettivo ogni anno più di 4.000 professionisti del settore agroalimentare visitano il Salone del Gusto in Polonia. Una tappa imperdibile per importatori, distributori, buyers della piccola, media e grande distribuzione, rappresentanti ed esperti, rappresentando un’eccellente vetrina per promuovere i tesori gastronomici provenienti da tutto il mondo, alla quale non sono voluti mancare Francesco Silvaggio, presidente Acli terra Vibo Valentia, e Francesco Augurusa, segretario della sezione Ucid di Vibo Valentia, convinti che  «gli scambi commerciali di Varsavia sono agevolati dal fatto che essa è localizzata proprio nel cuore dell’Europa, quasi a metà strada tra est, ovest, nord e sud del “Vecchio Continente” avendo dunque l’enorme vantaggio di poter accedere molto rapidamente a quasi la totalità dei mercati comunitari. Il mercato polacco – spiegano - pare non conoscere crisi e vive ormai da diversi anni una fase di forte sviluppo che lo proietta di diritto tra i più promettenti Paesi europei in cui avviare attività di business». E per Silvaggio e Augurusa, «in questo nuovo contesto la Calabria deve trovare e costruire uno spazio di promozione e di produzione, per internazionalizzare le proprie produzioni di eccellenza».

Un appuntamento importante, insomma, questo con la fiera, caratterizzata da un mix di esposizione, forum internazionali, workshop e incontri d’affari con migliaia di buyer italiani ed internazionali. «Se l'industria del food and beverage – spiega Francesco Augurusa - contrariamente al settore industriale italiano, è cresciuta del 20%, lo si deve proprio alle esportazioni che dal 2007 ad oggi sono cresciute del 37%. Questa fiera – aggiunge - è un’occasione di analisi delle opportunità per i fornitori italiani di arrivare sui mercati esteri sia attraverso il network internazionale sia attraverso le piattaforme digitali, il tutto per far sì che le nostre aziende locali risultino concorrenziali anche a livello internazionale». All’Expo di Varsavia 2017, più di 60 aziende italiane hanno presentato oltre 400 prodotti pronti ad entrare nel mercato polacco. Sul palco hanno avuto luogo delle interessantissime masterclass di rinomati come Andrea Camastra (Ristorante Senses, 1 Stella Michelin), Marzena Gromelska (Ristorante Chianti Kregliccy) e Umberto Vezzoli da Milano. In tal senso, Silvaggio e Augurusa, consapevoli della rilevanza di questo appuntamento europeo, chiederanno un incontro all’assessore Barbalace  per un confronto sulle nuove opportunità, finalizzato a  rafforzare occasioni di export per l’italian food sui mercati esteri con l’intento «di trovare sinergie innovative per il posizionamento dei nostri prodotti locali, apprezzati in tutto il mondo».