Sunny

14°C

Vibo Valentia

Sunny

Humidity: 44%

  • Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2017, 17:19:52.

 Giornata vocazioni chiesa giovani

di GIUSEPPE CURRA’

Domani la Chiesa Cattolica vivrà la 54° Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni. Per quanto riguarda la diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, così come ricorda il direttore dell’Ufficio per la pastorale delle vocazioni don Francesco Sicari, l’evento sarà quest’anno celebrato a Dinami, precisamente nel Santuario mariano della Madonna della Catena. Il tema annuale della giornata è “Vocazione e santità: io sono una missione”, accompagnato dallo slogan “Alzati, va e non temere”. «Che bello – sottolinea oggi il sacerdote - far risuonare nel nostro cuore e condividere ai nostri ragazzi e giovani questo invito del Signore, tante volte riportato dalla Sacra Scrittura, a uscire da se stessi, a vivere la missione che Egli affida e a non temere. Il Signore ha per ognuno di noi un progetto e ci affida una missione da compiere. Anzi come dice Papa Francesco nella Evangelii Gaudium, ognuno di noi è “marchiato a fuoco per la missione” (EG273), ognuno di noi “è una missione su questa terra e per questo ci troviamo in questo mondo”. Accompagnare i nostri ragazzi e giovani nel loro cammino esistenziale a discernere su questa missione è il compito che ci viene affidato».

 Il programma della giornata prevede alle 16 l’arrivo dei giovani, provenienti dalle varie parrocchie della diocesi, accolti con momenti di animazione promossi dai seminaristi di teologia che studiano al Seminario San Pio X di Catanzaro. Seguirà il saluto di benvenuto e l’introduzione sul tema della giornata da parte dello stesso don Sicari, tra l’altro direttore dell’ufficio regionale e diocesano per la pastorale vocazionale. Dalle 16.30 alle 18, i giovani presenti nel percorso verso il Santuario avranno la possibilità di incontrare diverse esperienze ecclesiali e testimoni che racconteranno la storia della propria vocazione e il vivere la vita come missione. In particolare, oltre ai seminaristi, a dare la propria testimonianza saranno, una famiglia del cammino neocatecumenale, alcuni giovani dell’operazione Mato Grosso, un giovane dell’associazione “Libera” impegnato in politica, una cooperativa del Progetto Policoro e alcuni religiosi e religiose della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara Calabra. Al termine del percorso, gli stessi religiosi accoglieranno i giovani nel Santuario, e insieme a loro pregheranno il Signore perché mandi operai nella sua Messe. Concluderà la giornata, un sano momento di festa comunitaria.